Archivi autore: ixeniait

USD JPY

Coppia USD/JPY in discesa

Questo lunedì nel mercato forex lo Yen giapponese ha messo i piedi in testa alla moneta americana infatti il valore del Dollaro è stato più basso rispetto alla moneta nipponica.
La coppia USD/GPY è scesa dello 0,9% al momento della scrittura ed è stata scambiata a 114,76 arrivando a trovare la quota di supporto a 112,76 che è il valore più basso fatto registrare da mercoledì scorso e la quota di resistenza a 116,83 la più alta da giovedì scorso.
Allo stesso tempo

il valore del Dollaro americano è calato

contro la nostra moneta unica con la coppia EUR/USD che guadagna lo 0,21% arrivando a scambiare a 1,1252.
Nei confronti della Sterlina inglese il Dollaro è riuscito a guadagnare terreno con la coppia che scende dello 0,05% scambiando a 1,4583.

L’impegno della AMF nei mercati finanziari

Leggero guadagno del Dollaro sulla moneta unica

Il mercato valutario ha iniziato la settimana in sordina dopo la forte volatilità che ha dominato le ultime sedute, vi è un clima di attesa per i futuri verdetti di politica monetaria che arriveranno a giorni.

Il Dollaro si presenta in leggero guadagno sull’euro arrivando a 1,1128 da 1,1155 della chiusura precedente.

Dopo che la Banca Centrale europea ha annunciato un massiccio pacchetto di manovre espansive la maggior parte degli investitori si aspetta che la Federal Reserve effettui delle manovre per rialzare il costo del denaro.

Intanto per domani è attesa la decisione della Banca del Giappone che dopo la decisione a fine gennaio di introdurre i tassi negativi dovrebbe tirare fuori altre novità, questo ha fatto si che la valuta giapponese sia in leggero rialzo contro Dollaro e Euro.

Si arriverà a giovedì dove sarà la volta della Banca d’Inghilterra che sicuramente assumerà una posizione di relax in attesa del referendum sulla membership del paese inglese all’Unione europea.

Emendamento salva banche

Respinto ricorso Codacons su salvataggio banche

Alla fine il Tar del lazio ha deciso di non discutere la richiesta presentata dal Codacons atta a sospendere il decreto del Governo con il quale sono state salvate Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti e Carife.

La seconda sezione ha preferito non passare alla discussione la richiesta di sospensione ma bensì di rinviare la decisione in una udienza specifica che dovrebbe essere stata fissata per il 18 aprile.

Il Codacons aveva presentato l’esposto a gennaio di quest’anno attraverso la richiesta di 250 risparmiatori con lo scopo ben preciso di farne dichiarare l’illeggittimità del provvedimento del Governo dalla Corte Costituzionale.

Renzi attraverso il suo esecutivo ha dichiarato che garantirà la sopravvivenza delle quattro banche creando altre entità nuove dove convoglierà la parte sana di tutte le attività.

Tutta l’operazione ha comportato l’azzeramento di tutte le azioni ed anche dei quasi 800 milioni in obbligazioni subordinate emesse dagli istituti, cosa perfettamente in linea con le direttive europee.

Trading con il Supporto, la Resistenza e la Tendenza

Brilla Yen, Euro stabile

In attesa dei dati preliminari sull’inflazione la nostra moneta unica resta stabile mentre lo Yen riesce a guadagnare sia contro il Dollaro americano che contro la nostra moneta.

Questo perchè siamo in una fase di bassa propensione al rischio che prende forza anche dalla totale assenza di contromisure da parte del G20 finanziario per riuscire a frenare il rallentamento della ripresa globale.

Le attese per i dati sull’inflazione da parte di Eurostat sono a favore di una variazione pressochè nulla dei prezzi al consumo su base annua anche se forse possono sembrare troppo ottimistiche dopo aver letto quelle francesi e tedesche risultate sotto zero.

L’andamento blando dei prezzi alimenta le attese di nuove azioni da parte della Banca Centrale Europea.

Lo Yen guadagna l’1% circa sia nei confronti del biglietto verde sia nei confronti della nostra moneta unica in una fase di bassa propensione al rischio come testimonia l’andamento lento della maggior parte delle piazze europee ed asiatiche.

Moodys

Moody’s taglia rating al Brasile

E’ notizia di queste ultime ore che Moody’s ha tagliato il rating sovrano dello stato del Brasile di due punti passandolo a “Ba2” dal precedente “Baa3” con la conseguente valutazione che entra in area “non investment grade”, quindi l’outlook assegnato al nuovo rating è “negativo”.

L’agenzia in una nota spiega le motivazioni della sua decisione, questa riflette la prospettiva di un ulteriore deterioramento dei livelli di debito del paese all’interno dell’attuale contesto di bassa crescita, con un rapporto previsionale debito/Pil che oltrepasserà quota 85% entro i prossimi tre anni.

Oltre questo Moody’s ha anche sottolineato la difficilissima situazione politica del paese che continuerà a influire ed a complicare gli sforzi messi in campo dalle autorità per il consolidamento fiscale e di conseguenza ritardare le riforme strutturali.

La settimana scorsa anche S&P aveva downgradato il rating brasiliano ma la prima a farlo era stata Flich a metà dicembre dell’anno scorso.

Tasse salite del 93%, +250% dal 1995

Tasse salite del 93%, +250% dal 1995

Negli ultimi 20 anni il valore delle tasse, sia quelle centrali che quelle locali sono aumentate del 94% passando da 299 a 497 miliardi di euro.

Questo è quello che sostiene il Centro studi di Confcommercio spiegando che l’aumento maggiore si è verificato nelle tasse locali che sono aumentate del 252% a fronte del 77% registrato dalle tasse centrali.

Negli ultimi quattro anni dal 2011 al 2015 le imposte sugli immobili sono salite del 148% riuscendo a passare da 10 miliardi a 24 miliardi di euro.

Il rapporto dice che quest’anno si verificherà un abbassamento del 21% rispetto al 2015 e questo grazie alla riduzione delle imposte sulla prima casa inserita dal Governo all’interno della legge di stabilità.

Oltre questo il Centro studi ha fatto notare che la tassa sui rifiuti è praticamente raddoppiata e nel corso del 2016 le imposte sui rifiuti e sugli immobili avranno un incremento del 90% in confronto al 2011, passeranno da 16,7 miliardi a 29,5 miliardi di euro.

Trading con il Supporto, la Resistenza e la Tendenza

Piazza Affari in rialzo

Dopo le ultime tre sedute che anno fatto segnare forti perdite per la nostra Piazza Affari questa volta il trend si è invertito.

Infatti la nostra borsa, trainata dall’impennata dei titoli bancari è riuscita a mettere un bel segno positivo al suo andamento generale.

Se nelle passate sessioni le perdite del nostro listino sono state maggiori in confronto alle altre piazze europee, oggi la Borsa di Milano sovrasta Parigi e Francoforte anche se quest’ultima è sostenuta dal balzo in avanti di Deutsche Bank.

L’indice FTSE Mib chiude facendo segnare un +6% anche il bilancio settimanale è ancora in rosso del 4%, l’All Share arriva al 5,02% ed i volumi totali si sono assestati attorno ai 3,9 miliardi di euro.

FTS Eurofirst 300 guadagna il 2% con francoforte e Parigi in aumento di circa 2 punti percentuale, invece sulla piazza di Wall Street gli indici sono contrastanti.

Ritornando al settore dei bancari, quelli italiani saltano in avanti del 12% in confronto a quelli europei che si fermano al 5%.

La prima in testa a tutti è INTESA SAN PAOLO con un +15% seguita da UNICREDIT con un +12%, di seguito troviamo BANCO POPOLARE +11% e POP MILANO con un +9%.

Nel settore automobilistico FCA guadagna il 6%, CNH INDUSTRIAL +4% ma resta ancora debole il titolo FERRARI che perde lo 0,7%.

Tra gli energetici vediamo SAIPEM in calo dell’1,5% alla vigilia della sua chiusura dell’aumento di capitale, ENI resta stabile, in linea con tutto il settore europeo.

Infine segnaliamo il tonfo di CTI BIOPHARMA del 45% dovuta alla totale sospensione del farmaco sperimentale Pacritinib da parte della Fda americana.

Trading con il Supporto, la Resistenza e la Tendenza

Borse europee sono previste in calo

Secondo le stime degli analisti le prossime sessioni delle borse europee dovrebbero essere indirizzate al ribasso dopo i grossi guadagni che ieri avevano dato uno stop alla corsa alle vendite verificatasi nei giorni scorsi.

La grande maggioranza delle borse europee ha avuto un avvio in negativo e questo ci fa capire che la maggior parte degli investitori è in cerca di Asset con un tasso di rischio molto contenuto e che le preoccupazioni per una crescita globale sono sostanzialmente molto consistenti.

L’inglese FTSE 100 è tenuto sott’occhio dagli Spreadbetter finanziari che si aspettano che l’indice apra in calo di almeno una cinquantina di punti ovvero in calo dell’1%.

Il DAX tedesco dovrebbe scendere di circa 130 punti con un -1,6% in meno e il CAC 40 francese in calo di 65 punti con un 1,1% in meno.

Infine l’indice Pan-Europeo FTS Erofirst 300 ha fatto segnare ieri in fase di chiusura un aumento del 2% dopo che era riuscito ad accumulare ben 8 sedute negative di fila, nonostante questa inversione di tendenza il suo livello resta in rosso a -9%.

Un ottima notizia che può essere sfruttata il forex trading, vedi: http://www.tradingmania.it/forex/

futures gas

Come investire nel Trading binario

Investire nel trading binario: caratteristiche e soluzioni

La maggior parte di Voi che è giunta fin qua e sta leggendo questo articolo su “come è meglio investire online”, avrà certamente sentito parlare di trading, opzioni binarie e di trading binario.

Un po’ perchè incuriositi dal fatto che molti investitori già si dedicano al trading online e ci guadagnano un mucchio di soldi, un po’ perchè effettivamente le opzioni binarie sono uno strumento di trading facilissimo da usare, fatto sta che sono sempre di più le persone interessate a guadagnare con il trading binario.

Vediamo, quindi, di fare una panoramica sul fenomeno delle “opzioni binarie” e di dare risposte esaustive a chi sta cercando un modo per iniziare ad occuparsi di trading online con le opzioni binarie, scopri cosa sono le opzioni binarie.

Come investire nel Trading binario

Il termine “trading binario” nasce con le “opzioni binarie”, uno strumento finanziario abbastanza nuovo nel panorama finanziario, con il quale non è affatto difficile investire denaro.
Con le opzioni binarie(come vedremo a breve), il traders dovrà soltanto stabilire, in relazione a determinati “asset” e a determinate “scadenze” , in quale direzione il “sottostante” (azione, Indice, valuta, Commodity, etc) si muoverà di prezzo (Su/Giù).

In sostanza egli dovrà considerare una certa “scadenza” e investire sull’ipotesi che allo scadere della stessa il prezzo dell’asset si trovi al di sopra o al di sotto del prezzo di acquisto.
Il Trading online con le opzioni binarie è particolarmente efficace e consente anche a chi non è particolarmente pratico di Borsa e mercati finanziari, di investire e guadagnare con il trading online.

Queste le caratteristiche principali di chi investe con le opzioni binarie:

  1. Sono facili da negoziare, veloci e sopratutto consentono di guadagnare in maniera ripetuta ogni 60 secondi (opzioni 60 secondi)!
  2. Si può investire ad ogni ora del giorno (fusi orari internazionali) senza possedere grosse esperienze in fatto di borsa e mercati!
  3. Con il trading binario si può Investire da casa o dallo Smartphone in qualsiasi momento si ha voglia!
  4. Si può fare trading binario con anche 1 solo Euro, ed avere ugualmente la possibilità di guadagnare cifre importanti!
  5. Con un unico “Account” si può investire su oltre 180 “Asset” tra azioni, Indici, Commodity e valute Forex!

Partire da zero e ottenere buoni risultati nel giro di pochi giorni è una delle prerogative del trading online con le opzioni binarie, ed è anche il motivo per cui abbiamo deciso di scrivere questo articolo e di dare un concreto aiuto a chi cerca informazioni al riguardo.

Ci sono moltissimi operatori finanziari (principianti e non) che riescono a guadagnare un sacco di soldi con le opzioni binarie, semplicemente imparando alcune semplici strategie o seguendo i consigli e le informazioni di alcuni siti specializzati.

Cosa sono le Opzioni Binarie

La semplicità con la quale vengono negoziate (solo due scelte, Su o Giù) pone le opzioni binarie sullo stesso piano delle “scommesse sportive”.
Che piaccia o no, le Opzioni Binarie sono una tipologia di investimento che assomigliano alle “scommesse sportive” nella misura in cui sono legate a solo due possibili risultati, Sopra o Sotto.

Le opzioni binarie sono veri e propri strumenti finanziari, il cui andamento segue le stesse identiche logiche di qualsiasi altro strumento finanziario.
Noi pensiamo che dicotomia opzioni/scommessa, sia fuorviante e non renda merito a questo prodotto finanziario dalle grandissime qualità e vantaggi.

Il concetto di opzioni binaria è molto facile da comprendere:
chi investe in opzioni binarie non deve fare altro che scegliere se investire sul “rialzo” o sul “ribasso” di ua azione Alibaba, Ibm, Google, Apple, etc), una valuta (Forex), una Materia prima (Rame, Argento, Oro, etc) o di un Indice di Borsa (Nicchey, Dow jones, Mib, etc).

Le opzioni possibili sono due, opzione “Call” (Alto) o opzione “Put” (basso), laddove la prima scelta indica che alla “scadenza” l’asset si troverà “sopra” il prezzo di acquisto, e la seconda, al contrario, si troverà “sotto” il prezzo di acquisto.

In parole ancora più semplici, possiamo dire che, visto e considerato che il valore di mercato di un determinato “asset” (azione, Indice, valuta, Indice, etc) è destinato a cambiare ogni secondo di contrattazione, con le opzioni binarie bisogna stabilire una “scadenza”(30, 60, 90 secondi-5, 10, 15 minuti, etc) e investire “Call” (Alto) o “Put” (basso).

Come fare a provare le opzioni binarie

Il miglior modo per provare le opzioni binarie è quello di aprire un “account” presso un Broker regolamentato che offra la possibilità di attivare un “conto demo”.
Piattaforme di trading regolamentate sono da intendersi soltanto quelle autorizzate dalla CySec di Cipro (Cyprus Securities and Exchange Commission) o dalla CONSOB Italiana.
Negli ultimi anni il mercato delle opzioni binarie è stato oggetto di controlli e riposizionamenti, fino ad arrivare alla odierna situazione nella quale questo settore finanziario è stato ampiamente regolamentato e posto sotto la sorveglianza e la supervisione di Enti e/o Organismi che ne certificano la trasparenza e l’affidabilità.

Aprire un conto di trading binario

Aprire un “conto di trading” presuppone la scelta del Broker, la quale, come abbiamo appena visto, deve obbligatoriamente ricadere su quei Broker o Piattaforme di trading legali e sicure (Consob/CySec, Mifid), autorizzate ad esercitare da Organismi di controllo Europei o Nazionali.

Nel cercare un Broker con il quale aprire un conto di trading, possiamo valutare le seguenti caratteristiche:

Affidabilità: Abbiamo già detto di questo importante requisito.
I Broker regolamentati che operano in Italia sono autorizzati dal Cysec o dalla Consob, e devono rispondere tutti alle direttive Mifid.

Rendimento: Ogni piattaforma propone proprie tipologie di opzioni e diverse percentuali di guadagno.
L’obiettivo di sceglie una piattaforma piuttosto che un altra è anche quello di ottenere il maggior guadagno possibile, motivo per cui è sempre bene considerare questo elemento.

Conto demo: Un “conto di trading” virtuale, con soldi finti, per imparare a rischio zero “cosa sono” e “come si fa a fare trading con le opzioni binarie”.
Questo è il motivo per cui molte piattaforme prevedono questa possibilità, ed è una delle possibilità alla quale ricorrere per imparare le basi del trading binario prima di decide di investire soldi reali.

Bonus: Molti dei Broker che troverete sui motori di ricerca italiani, regala a tutti i nuovi iscritti dei premi in denaro nella misura del 50/100% del valore del primo versamento.

Il primo versamento è la somma minima che ogni piattaforma stabilisce quale quota per attivare un “conto di trading”.
Il Bonus è una promozione valida presso la quasi totalità delle piattaforme in circolazione, e chi sceglie di servirsene è invitato a leggere attentamente Termini e Condizioni.

Assistenza: Una Piattaforma di opzioni binarie seria e che abbia davvero a sentimento i propri utenti, è quella che, oltre alle migliori percentuali di profitto, garantisce un servizio assistenza qualificato e professionale.

Perché fare Trading Binario?

Ci sono diversi motivi per cui le persone decidono di passare dal trading online tradizionale a quello binario.
Il principale, a nostro avviso, è quello per cui molte persone cercano nel trading binario una strada veloce per aumentare le proprie potenzialità economiche, nel tentativo di arrotondare lo stipendio e migliorare così il proprio stile e la propria qualità di vita.

Con una buona pianificazione, una qualche giusta strategia di trading e il seguire qualche buon sito di consigli e suggerimenti, crediamo che chiunque abbia le potenzialità per guadagnare con questo strumento di trading.

Consigli per fare soldi nei mercati finanziari

Nei mercati finanziari una strategia sbagliata o peggio, non averne, può trasformare la tua esperienza in un incubo finanziario.

“Evitate di andare dritti per il sentiero delle tenebre finanziarie attraverso lo sviluppo di un piano di gestione del denaro”.

Sono un consulente finanziario da 16 anni, e ho assistito a troppe storie di orrore.

  • Persone senza assicurazione;
  • Persone che annegano nel debito della carta di credito;
  • Problemi finanziari che distruggono le famiglie.

Non sono belle storie e il mio compito è quello di aiutare queste persone a trovare una via d’uscita dal buio.

Quando i miei figli erano piccoli e avevano paura del buio, avevo installato una piccola luce che illuminava leggermente la stanza. Oggi voglio illuminare la vostra consapevolezza con una piccola luce accesa da storie di tragedia finanziaria in modo che voi possiate evitarle:

Nessun deposito diretto

E’ troppo facile spendere soldi se questi sono sempre disponibili. Per evitare la tentazione occorre filtrare automaticamente il denaro in conti separati, un buon sistema per assicurarsi che ci sia sufficiente capienza a coprire le necessità primarie. Con questo semplice sistema, potete spendere senza sensi di colpa e investire senza problemi. Tenete sempre sotto controllo le vostre entrate suddividendo le necessità dagli investimenti – tenendo sempre presente che le necessità possono anche essere degli imprevisti.

Nessun investimento diretto

Investire automatica è meraviglioso per un motivo: Non si vede mai il denaro. La maggior parte dei miei clienti di successo hanno istituito sistemi semplici così da incanalare i soldi nei posti giusti senza pensarci. Trovate un buon fondo comune di investimento o exchange traded fund che corrisponde al proprio obiettivo e utilizzare il deposito diretto o prelievi automatici dal conto bancario per effettuare investimenti indolore.

Non capire la ritenuta fiscale

Ci sono grandi vittime nelle storie dell’orrore fiscale perchè non capiscono i rimborsi fiscali, uno strumento che non è inatteso. Anche con tasse piuttosto elevate, di solito è meglio un investimento non qualificato quando si tratta di risparmio previdenziale. Utilizzate rimborsi fiscali per pagare il debito o investire. Utilizzare piani di pensionamento per abbassare la fiscalità.

Nessun piano di spesa

Hai presente la corsa del criceto sulla ruota? gira sempre più veloce se non presta attenzione. Questo è quello che succede a chi non ha un piano di spesa, corre senza meta sempre più veloce per recuperare le perdite.

Qual’è la soluzione? non investite quanto si guadagna, ma al massimo il 10%.

Consiglio spassionato

Se siete principianti del mondo finanziario e desiderate comunque investire piccole cifre, cominciate con il trading online o provate ad investire in Opzioni binarie.