Scandalo Mitsubishi motors

Dopo la Volkswagen anche la Mitsubishi Motors è sotto l’occhio del ciclone a causa di cattive condotte svolte sui test relativi alle emissioni dei motori diesel.

Dopo che la casa automobilistica ha reso noto di aver falsificato alcuni test sul consumo di carburante il titolo ha avuto un forte crollo perdendo il 19%.

Tetsuro Aikawa presidente del gruppo durante una conferenza stampa a Tokyo si è scusato per quello che si annuncia essere il più grosso scandalo per la casa turistica giapponese da un decennio a questa parte.

A chiusura di contrattazioni il titolo ha perso oltre il 15% a 752 yen che risulta essere la massima perdita in un solo giorno di contrattazioni da 12 anni a oggi.

La casa automobilistica ha specificato che la manipolazione dei test e relativa a 655.000 veicoli prodotti da inizio 2013 e 472000 automobili prodotte per Nissan Motor.

La società ha comunicato che smetterà sia la produzione che la vendita di questa tipologia di automobili e che ha nominato una commissione indipendente per indagare su tutta la questione.

Leave a Reply